AUTOCONSUMO o DESTINAZIONE A FINALITA' ESTRANEE ALL'IMPRESA  

Beni
Iva - L'autoconsumo o la destinazione a finalità estranee all'esercizio dell'impresa di beni, che formano oggetto o meno dell'attività dell'impresa (art. 2.2 n. 5 Dpr 633), se all'atto dell'acquisto:

  • è stata operata la detrazione dell'Iva pagata - sono soggetti ad Iva con l'eccezione dei campioni gratuiti di modico valore appositamente contrassegnati;
  • non è stata operata la detrazione - sono fuori campo Iva.

Iidd - L'autoconsumo o la destinazione a finalità estranee di:

  • beni costituenti l'attività dell'impresa - genera ricavi;
  • beni relativi all'impresa (es. beni ammortizzabili) - genera plusvalenze o minusvalenze;
  • beni non rientranti nell'attività dell'impresa - il loro costo di acquisto è indeducibile o è deducibile entro certi limiti (es. spese di rappresentanza); non genera ricavi.

Servizi
Iva - L'autoconsumo o la destinazione a finalità estranee di servizi costituiscono operazioni soggette ad Iva solo se di valore unitario superiore a € 25,82, a condizione che l'Iva relativa agli acquisti necessari per la prestazione sia detraibile, e che non rientrino tra le prestazioni che non sono mai considerate servizi ai sensi dell'art. 3.4/633.
Iidd - Non hanno rilevanza reddituale, ma occorre valutare l'indeducibilità dei costi sostenuti.

Somministrazioni
Iva - Per stabilire la detraibilità o meno dell'Iva occorre distinguere:

  • pasti consumati dal titolare, dai propri familiari o dai soci - valutazione mensile dei beni consumati al costo di acquisto, con annotazione su un foglio riepilogativo del mese. L'Iva relativa è indetraibile;
  • pasti consumati dai dipendenti - l'Iva pagata è detraibile, quindi non occorre alcuna annotazione anche se sarebbe opportuno uno storno da Merci c/ acquisti a Merci c/ acquisti per mensa.

Iidd - In quanto servizi non hanno rilevanza reddituale. Per stabilire la deducibilità o meno del costo occorre distinguere:

  • pasti consumati dal titolare, dai propri familiari o dai soci - valutazione mensile dei beni consumati al costo di acquisto, con annotazione su un foglio riepilogativo del mese. Il costo è indeducibile e sarebbe opportuno evidenziarlo in partita doppia stornando da Merci c/ acquisti a Costi indeducibili (attenzione alle responsabilità degli amministratori nelle srl e spa);
  • pasti consumati dai dipendenti - il costo è deducibile e sarebbe opportuno uno storno da Merci c/ acquisti a Merci c/ acquisti per mensa.
 

  


Copyright © 2005. By Rag. Natalino Melchionna - Via G.B.Vico 83046 Lacedonia (AV) - Tel. - Fax 0827/ 84339 info@studiomelchionna.it