FATTURE DA EMETTERE - Art. 75

Nel bilancio di verifica è aperto il c/ Fatture da emettere, proveniente da precedenti esercizi? Perché? Fatture da emettere confluisce in bilancio nel conto di stato patrimoniale C.II.1 Crediti verso clienti. Vedere capitolo Ricavi - Imputazione.

CESSIONE DI BENI
I Ddt emessi, in particolare quelli di novembre e di dicembre, sono tutti coperti da fattura? Ai fini Iva è stata considerata l?imposta nella liquidazione del mese di spedizione/consegna. Salvo si emettano fatture differite, non dovrebbero mai esserci fatture da emettere per cessioni di beni.
Se la fattura è invece differita (emessa cioè entro il 15 di gennaio) si procede alla seguente registrazione:

 Fatture da emettere
a

 ==/==

 Vendite
 Iva c/vendite

Nel successivo esercizio, all?emissione della fattura:

 Clienti
a
 Fatture da emettere

PRESTAZIONE DI SERVIZI O APPALTI
Ai fini Iva, le prestazioni di servizi si considerano effettuate al pagamento del corrispettivo (art. 6.3/633) mentre ai fini Iidd vale la data di ultimazione, anche parziale (es. s.a.l.).
Ci sono servizi ultimati per i quali non è stata emessa la fattura?
Ci sono stati di avanzamento divenuti definitivi per i quali non è stata emessa la fattura?
Ci sono impianti già consegnati e collaudati per i quali non è stata emessa la fattura?
Se "sì", quantificare e registrare:

 Fatture da emettere
a
 Ricavi

Nel successivo esercizio, all?emissione della fattura:

 Clienti
a

 ==/==

 Fatture da emettere
 Iva c/vendite

MERCE IN CONTO VISIONE E IN CONTO VENDITA
Iva - La cessione di beni i cui effetti traslativi si producono posteriormente al momento della consegna si considerano effettuate al momento dell'accettazione da parte del cliente o all'atto della rivendita; sorge di conseguenza l'obbligo di fatturazione. Se la cessione ha per oggetto beni mobili, si considera comunque effettuata dopo un anno dalla consegna o spedizione: decorso tale termine, scatta automaticamente l'obbligo di emettere regolare fattura (art. 6/633).
Tuid - I beni consegnati a terzi con contratto estimatorio sono rimanenze finali per l'impresa che affida i beni a terzi. Diventano ricavi all'atto della rivendita (c/ vendita) o della accettazione (c/ visione); non è previsto alcun limite annuale come per l'Iva.

IMBALLAGGI
L'importo degli imballaggi e dei recipienti quando ne sia espressamente pattuito il rimborso alla resa non concorre a formare la base imponibile delle fatture di vendita dei beni che contengono. Nel caso di mancata restituzione degli imballaggi, il contribuente deve provvedere alla loro fatturazione. Vedere capitolo Imballaggi.

 

 


Copyright © 2005. By Rag. Natalino Melchionna - Via G.B.Vico 83046 Lacedonia (AV) - Tel. - Fax 0827/ 84339 info@studiomelchionna.it